Arte, Ambiente, Cultura e Informazione

“Sarei invecchiato”, di Libero Alearno

 
 

Sarei invecchiato

di Libero Alearno

 

Avrei voluto invecchiare.

Come quelli che non devono aspettare.
Lontano da sbraiti, dalla corsa, dall’esito
e l’inganno.
Loro ch’hanno il silenzio del mare,
e dolce rimane
nella bestemmia ch’è burrasca improvvisa.
Quelli che prendono sputi
e come l’estate
si ricordan una volta,
ma come l’estate, quella memoria non muore
e vive nella calma dell’onda
che arriva continua.

Avrei voluto invecchiare.

Per guardare senza rabbia ogni mio funerale,
voltarmi accanto e aver ancora d’amare,
e tenere
sentire
lo scontro d’ossa nella mano.

Avrei voluto invecchiare.

Come quelli dal profumo di pane,
con un bastone sul quale riposare
e guardare,
ascoltare oltre la strada
oltre,
e dentro
saper d’aver ucciso il Tempo.