“Samara (Bambino incontrato nel fango in Nepal)”, di Antonio Asmodeo

Architettura Newari, Nepal, ©Antonio Asmodeo

 
 

Samara
(Bambino incontrato nel fango in Nepal)

di Antonio Asmodeo

 

È stanco Samara di camminare ancora
la terra molle frena
e aggroviglia i piedi,
e la verità calpesta,
nei vicoli troppo ottusi e stretti
per sfuggire i clacson.
C’è un suono di campane nella mia testa
che recita un rosario sconsacrato.
Balla ancora Shiva la sua danza macabra:
ed è sete sanguinaria e orgia di follia.
Da quale madre fu partorito
questo ignobile sciacallo?
Truffatore, Demone e Astuto illusionista?
Un vento scuote le sue lacrime
e l’anima giace nell’inquietudine
travolta dal monsone,
come cumuli di poliestere,
di un’umanità scartata,
rifiuto di un aborto mancato!
Universi di sputi
bagnano la mia tristezza ora.
L’ultimo loto è secco ormai
ed è cenere di vita nella valle dei sogni,
dove l’amore crepa.
Soccombe il mio respiro
Tra le polveri e l’urina,
una coperta umida sotto il ciuffo di capelli.
E l’abisso grida,
nei tuoi occhi spenti,
neri come tisane di Lwang.
Piccoli occhi di vite prestate
gemme che scavano le mie rughe Newari
cornici intagliate di vite dilaniate.
È lontano il tempo delle verità nascoste
tutto è svelato ormai.
Non brilla la Golden Doors
ed è linfa di yak che cola indifferente.
Un passo ancora samara
un’altra vita
un altro giorno
nell’abisso silenzioso
dove il mantra tace
seppellito dal mondo
Nella fine senza ritorno!

 
 
 
 

Skip to content