L’eco della nostalgia

L’eco della nostalgia

(Patrizia Rachele Rivaroli)

 
 

Il tempo scorre rapido,
avanza, echeggiando
lamenti, che sfuggono 
a una separazione.

Eppure sono io quella
che ami, tu non lo
sai e in questo tuo
non saperlo, è nata 
una disperazione.

Nel vestibolo della
mia anima, è rimasta
una voce mai più 
sentita .Dalle sue 
feritoie, escono solo
stille di nostalgia
incontrollabili.

Morirò amore mio!

Perdonami morirò 
per sempre, ho un
nuovo amico che si è
impadronito del mio
corpo e ha disegnato
caselle ovunque, 
facendo tremare le 
foglie dell’albero,
che è dentro di me, 
trasfrmandole in cellule
che hanno oscurata
la mia vita grama.

Non accompagnarmi 
nel mio ultimo viaggio!

Come potrei riconoscere
quella voce che mi hai
negata?

 
 
 
 

Skip to content