“L’Istante. Il Movimento”, di Libero Alearno

Farahnaz Tafreshi, Untitled 1 (Movement), 2012, olio su tela

 
 

L’Istante. Il Movimento

di Libero Alearno

 

Se guardo in alto
nessun potrà dir che non è vero.
Niente resta, se non l’unico Istante
Qui, Adesso,
vivo nel Movimento senz’inizio né fine
riflesso di Terra alla Pioggia
perché si levi quel ch’è dell’anima
e sia come e non dove,
il cammino nell’arco disegnato,
scomposto e decorato dalla mano
tra timori, conflitti
e nessuna risposta, neppure l’inganno
a placare i tumulti di tante domande,
mentre in ogni respiro
vivo
eterno
nella Follia che non m’abbandona
neanche quando la Terra è più alta e chiara
di me
spirito e rabbia
in rotta dell’oltre
d’Acqua nel Fuoco e Sole nel Gelo
nell’Istante in Movimento
d’Acqua nel fuoco e Sole nel Gelo.

 
 
 
 

Skip to content