Arte, Ambiente, Cultura e Informazione

“Dis”, di Mara Elle

 
 

Dis

di Mara Elle

 

Un fermaglio d’avorio
per fermare i capelli,
l’anima che passa
e va
anonima,
senza dolore
né bellezza,
stanchezza,
dis/amore di se’,
d’emozioni
torpore
e l’inganno consueto,
per ritrovarsi poi
antisetticamente
uguali,
dis/orientati,
intellettualmente
finti,
infetti dentro.
E’ il virus che ci consuma,
la vita.