Arte, Ambiente, Cultura e Informazione

“Adesso cammina (preghiera laica)”, di Libero Alearno

Vladimir Kush, “Infinity Trail”

 
 

Adesso cammina
Preghiera laica

di Libero Alearno

 

Adesso cammina,
cammina
mai stancandoti di cercare,
scoprire, comprendere e morire,
mai stancandoti di perdere,
conoscere e tremare
e d’ogni notte abbi pietà,
ricordo,
solitario e lacerante silenzio,
e continua a immaginare
malgrado il vuoto,
malgrado sempre,
malgrado niente.

Ascolta ogni suono
ed ogni rumore,
ogni soffio
ed ogni bestemmia,
i tumulti degli abissi,
l’infrangersi del domani, della pioggia
e del Sole al tramonto.
Abbeverati di grazia,
miseria,
gioco e ribellione,
d’incanto e disillusione,
di realtà che strappa,
di carne e d’attesa.
Osserva il trasmutare del tempo,
ogni umano frammento,
ogni amore perduto,
creduto e ricevuto
e perdona, perdona
l’errore quando l’ha avuto.

Adesso cammina,
cammina senza nulla attendere,
pretendere, cedere e dimenticare,
mai perdendo fame,
lacrime, istinto e stupore,
mai dando per scontato il battito d’un respiro,
l’ebrezza del mattino, quella medicante del vino,
e d’ogni giorno salva gli istanti,
le mani crepate,
la fronte rigata,
le gambe piegate e le domande
e allora cammina,
mai negando
ignorando né temendo
all’anima
d’anima
d’ogn’anima
l’ombra, l’urla e la follia.