Arte, Ambiente, Cultura e Informazione

“Sublime mattanza”, poesia di Mirela Stillitano

Leonid Afremov, "Bench of lost love"

 
 

Sublime mattanza

di Mirela Stillitano

 
 

Ho lasciato le chiavi al solito posto
un francobollo spedito, un talismano scaduto.

una moneta seduta sulla croce, nella tua giacca
messo fuori il gatto che non abbiamo avuto

annaffiato il fiore di plastica appassito
fumato la fretta e bevuto l’attesa

seminato qua e là qualche lacrima
nel corridoio verde di mancata speranza

ordinato le scarpe che camminavano
insieme per la stanza spaiate e confuse.

Ho lasciato il cuore sul tavolo in cucina
dove gemevi stringendomi i fianchi

e la schiena sulla corteccia di un secolo.
In qualche chiasmo di piacere

devo aver dimenticato la gonna
troppo stretta delle mie idee

i pantaloni troppo larghi delle tue pretese
ma sono qui sulla soglia della vertigine

la voglia in transumanza dalla logica
a togliere dal rogo la cenere di corpo e anima

fra lenzuola di sublime mattanza
ancora a cavalcioni della tua ira intima

accovacciata sul petto di chi chiamo amore
con la voce di ogni cosa innominata.

 
 
 
 

Dipinto di Leonid Afremov,“Bench of lost love”