Arte, Ambiente, Cultura e Informazione

“Domani”, poesia di Libero Alearno

 
 

Domani

di Libero Alearno

 
 

Ho trovato poesia
sempre e solo tra gli ignoranti.
Il cuore pronto,
può leggere e ascoltare il mondo.

Dove altrimenti,
dove se non in sé
l’uomo può capire ogni distanza?
Senza timore e-levarsi libero
e senza l’umiliazione.

E allora guardami dai mille dubbi,
guidami tra mille nubi,
mentre sorrido e porto rabbia
come un giullare in gabbia.

La realtà è nel grembo del silenzio,
nasce piangendo come un bimbo,
scopre l’anima nel movimento,
le dona vita o ne diviene boia.

Oltre lo sguardo, oltre la gola,
di sé burattinaio il Tempo dirà quando.
La terra cambierà e solo i sogni non l’avvertiranno.

E di sangue avrà sapore la lingua
di chi sangue avrà bevuto.

E di pioggia, i piedi avrà bagnati,
chi acqua avrà ceduto.