Arte, Ambiente, Cultura e Informazione

Do not expect anything

 

Do not expect anything

di Marco Bo

 

Under this grey suburban sky,
do not expect anything
because in the dark room
you will see the light only
when you’ll learn to turn it on yourself

Do not expect anything
and do not deliver a good night to someone
if you did not give at least a caress first

Do not even think about a good night,
since you don’t wish an absence to someone who is already alone

Do not expect anything
do not wait
since the good if it will arrives,
it will by chance in a cold winter morning
you will find it folded into the pocket of an old jacket
the one you do not wear anymore

Do not worry
goodness you will find
you will find a good sign
but don’t expect anything

Do not wait
turn your gaze to the trail
and go
just go

 


 

Non aspettarti niente

 

Sotto questo grigio cielo di periferia non aspettarti niente
perché nella stanza buia
la luce la vedrai soltanto
quando imparerai ad accenderla tu da solo

Non aspettarti niente
e non consegnare una buona notte a qualcuno se non gli hai portato prima almeno una carezza

Non pensare nemmeno ad una buona notte,
perché non si augura un’assenza a chi è già solo

Non aspettarti niente
non aspettare
poiché il bene se arriva,
arriva così per caso in una mattina d’inverno
lo trovi ripiegato nella tasca interna
di una vecchia giacca
che non mettevi più da tempo

Il bene lo troverai,
lo troverai un buon segno
ma non aspettarti niente

Non aspettare
volgi lo sguardo al cammino
e vai
vai

 

Immagine di copertina: “Drawing”, dipinto di Atanas Matsoureff