Arte, Ambiente, Cultura e Informazione

“Amo”, poesia di Marco Bo

 
 

Amo

di Marco Bo

 
 

Sotto questo cielo grigio
annegati tra una lode e un improperio,
alcuni rimangono in silenzio,
altri scavano e vanno
e gridano il tuo nome
il nome che “tu non sai dire!”
E il vuoto rimane.

Il vuoto rimane
ed io
mi manco
tanto.

Manco tanto a me stesso
e al mondo,
sotto questo grigio cielo,
come un pesce in un acquario,
che sbattendo il muso contro il vetro, sogna l’infinito
e pur di uscire da quell’incubo,
decide di rimanere agganciato all’amo…

Gridando.

Mio amo!
Io ti amo!

 
 


 

Hook

 

Under this gray sky
drowned between a praise and a curse,
some remain silent,
others dig and go
and shout your name
the name “you cannot say!”
And the emptiness remains.

The emptiness remains
and I
miss myself so much
I miss myself so much.

And the world misses me
under this gray sky,
like a fish in an ball,
who bangs his face against the glass, dreaming about the infinite
and just to get out of that nightmare,
decides to stay attached to the hook …

Shouting

My hook!
I love you!

 
 
 
 

Dipinto di Faith Te,‘Fishhook’, pittura a olio.