Arte, Ambiente, Cultura e Informazione

Rototom Sunsplash 2018, l’onda Reggae alla 25° edizione

 
 
Rototom Sunsplash, dal 16 al 22 di agosto si riaprono le porte del più grande festival Reggae del mondo.

Era il lontano 1994 quando a Spilimbergo, in provincia di Pordenone fu organizzata una due giorni dedicata alla cultura giamaicana.

Dopo una parentesi ad Aprilia Marittima, nel 2000 il Rototom si sposta a Osoppo in provincia di Udine ed in pochi anni la manifestazione raggiunge una popolarità che va ben oltre le aspettative, considerando quanto la musica Reggae, espressione del movimento Rastafari, sia da sempre distante da logiche commerciali.

Rototom

Il festival diventa appuntamento annuale per giovani e intere famiglie provenienti da tutta Europa e negli anni, sul palco del Rototom Sunsplash si alterneranno nomi che hanno scritto la storia del ritmo in levare e così Gladiators, Abyssinians, Mighty Diamonds, Pablo Moses, Linton Kwesi Johnson, fino ad arrivare a Capleton, Sizzla, Anthony B, Jah Mason, Terrus Riley e tanti altri.

Nel 2009, agli organizzatori viene però mossa accusa di violazione della legge Fini-Giovanardi e di fatto, fra le polemiche sollevate da sostenitori e operatori turistici del luogo, la kermesse è costretta all’esilio. Ad accoglierla con tutti gli onori è Benicàssim, comune Valenciano che può già vantare il Festival International, tra i più rilevanti eventi d’Europa per la musica elettronica e indie.

Dalla prima edizione spagnola del 2010, il Rototom Sunsplash continua la sua crescita costante.

Rototom Sunsplash, 25° edizione

Quella del 2018 sarà la 25° edizione di un festival che in questi anni ha coinvolto oltre 2300 artisti e attirato a sé più di 3,2 milioni di persone con l’unico scopo di promuovere la pace, i diritti umani e l’uguaglianza, tanto da esser riconosciuto dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura (UNESCO) come Evento Esemplare del decennio 2001-2010.

Come già avveniva in Italia non mancheranno la Reggae University, la Roots Yard, l’angolo spirituale con il Pachamama,le aree dedicate all’arte e agli spettacoli come il Rototom Circus e la Social Art Gallery,il MagicoMundo e come sempre, approfondimenti e dibattiti «sui conflitti. Sulle crisi politiche e umanitarie, ma anche sulle soluzioni e le alternative. Sul presente e sul futuro. Sulle realtà che convivono in uno medesimo Pianeta e che, a volte, risultano sconosciute» si terranno al Social Forum, dal quale sono passati personaggi quali Zygmunt Bauman, attivisti e scrittori come Firoze Madatally Manji e Rafael Crespo, Nobel per la Pace come Rigoberta Menchu e Mohamed Ben Cheikh, quest’ultimo presente nell’edizione 2017 che vide anche l’intervento di Odile Sankara, scrittrice e sorella dell’indimenticato ex presidente del Burkina Faso, assassinato nell’ottobre del 1987, Thomas Sankara.

rototom sunsplash

Per un traguardo come il 25° compleanno, in attesa di tante conferme, non potevano mancare grandi nomi del panorama internazionale. Mostri sacri come Derrick Morgan, Yellowman, Dean Fraser, Johnny Osbourne, Mighty Diamonds, Sly & Robbie, Tarrus Riley e ancora Cocoa Tea, Ben Harper, l’ormai leggendario David Rodigan, Julian Marley, figlio dell’indimenticabile Bob Marley e molti altri. Non mancherà una forte rappresentanza di artisti italiani, alla kermesse saranno infatti presenti Raiz, Giuliano Palma, Nina Zilla, Africa Unite…

L’edizione 2018 sarà dunque degna della storia di un Rototom Sunsplash, che conferma essere un festival ancora capace di accogliere centinaia di migliaia di persone regalando loro vibrazioni e cultura, in un clima di pace ed armonia.