Arte, Ambiente, Cultura e Informazione

Fernando Botero

Fernando Botero

 

Pochi artisti hanno creato una così forte divisione tra pubblico e critica, a sua volta scissa tra detrattori ed estimatori.
Se per buona parte degli addetti le sue opere sono alla stregua di semplici caricature, che nulla hanno perché possano esser prese in esame, altrettanti sono coloro che ne riconoscono l’unicità, tale da porlo tra i più importanti autori d’arte contemporanea.
 

Botero - Mona Lisa
Mona Lisa

 
Classe 1932, Fernando Botero nasce a Medellin, Colombia, città nella quale, tramite “El Colombiano”, quotidiano principale per il quale esegue illustrazioni, a soli 16 anni espone la sua prima personale.
Ma è verso la fine degli anni 50 che inizierà ad applicare le “dilatazioni” che renderanno inconfondibili le sue opere.

“Sono interessato al volume, la sensualità delle forme”

 

Botero - Via Crucis
Via Crucis

 
La caratteristica visione, nulla a che fare con una concezione di “figure grasse”, è applicata infatti alle figure umane, così come agli oggetti ed al paesaggio, creando effetti surrealistici.

“Per me creare è una necessità fondamentale, una necessità fisica. Non ho fatto altro durante tutta la mia vita…”

 

Botero - La Mano
Botero, La Mano

 
Celebre la sua Mona Lisa del 1978 o la rappresentazione della Via Crucis, ma è anche tramite la scultura che Botero darà vita a splendide opere d’arte come il Guerriero, bronzo di 380 cm presente a Pietrasanta, L’uomo a cavallo o La Mano a Madrid.