Divina Commedia: Paradiso, Canto XIII

I beati delle due corone, come le più rilucenti stelle, cantano e danzano ruotando attorno a Beatrice e un'estasiato Dante, interrompendo giostra quando San Tommaso, riprende parola per illustrare la sapienza di Salomone.

Divina Commedia: Paradiso, Canto XIV

Ulteriore domanda sorge in cuor di Dante e ad esaudirla, la più fulgida delle anime danzanti nella prima corona: Salomone, beato fra i sapienti alle cui parole, «Amen» levano in coro e nel mentre sfolgorio attorno al Sommo divien…

Divina Commedia: Paradiso, Canto XV

Come una stella cadente, dal braccio destro della croce, un’anima si muove e raggiuntane l’estremità inferiore, in latino rivolge a Dante parole di gioia, infine presentandosi come Cacciaguida degli Elisei, trisavolo del poeta e cavaliere…

Divina Commedia: Paradiso, Canto XVI

Colmo d’orgoglio e lietezza all’ascolto di Cacciaguida, Dante prega il trisavolo d’enarrar discendenza e conosciuta realtà di Firenze, sulla quale pertanto, il beato si pronuncia celebrandone le nobili famiglie, ma altrettanto ammonendone i…

Divina Commedia: Paradiso, Canto XVII

Cacciaguida, accogliendo richiesta di Dante, ne preannuncia futuro profetizzando esilio da Firenze e rifugio a Verona, dove incontrerà Cangrande Della Scala, condottiero predestinato a valorose imprese per il quale svolgerà missioni…

Divina Commedia: Paradiso, Canto XVIII

Dante, desolatamente assorto nel domani profetizzatogli da Cacciaguida, è confortato da Beatrice e dal trisavolo esortato a concentrarsi sulla croce, poiché in essa scorgerà combattenti per la fede che ebbero gloria in Terra; dopodiché il…

Divina Commedia: Paradiso, Canto XIX

Nel VI Cielo di Giove, ad ali spiegate l'Aquila costituita dagli spiriti giusti, s'erge imperiosa al cospetto di Dante e ad agli illustrando, fugandone i dubbi, l'inaccessibilità della divina giustizia, il dilemma della salvezza e i…

Divina Commedia: Paradiso, Canto XX

L'Aquila di Giove, i cui occhi son delineati dai più elevati tra gli spiriti che la formano, ovvero David, Ezechia, Costantino, Guglielmo Il e — suscitando meraviglia in Dante — i pagani Traiano e Rifeo, argomenta l'impossibilità di…

Divina Commedia: Paradiso, Canto XXI

Dante prosegue cammino ascendendo al settimo, e corrispondente a Saturno, Cielo del Paradiso, incontrandovi gli spiriti contemplanti, tra i quali, nell'immediato imbattendosi nel teologo, cardinale e vescovo, Pier Damiani.

Divina Commedia: Paradiso, Canto XXII

Nel VII Cielo di Saturno, Dante è avvicinato dalla sfera più luminosa, la quale si dichiara disposta ad esaudirne gli interrogativi affinché possa seguire Beatrice nel Cielo delle Stelle Fisse, tuttavia negando di mostrarsi, dunque…
Skip to content