Divina Commedia: Paradiso, Canto XXIII

Nel Cielo delle Stelle Fisse governato dai Cherubini, Dante, in silenziosa contemplazione di Beatrice, percepita impaziente, vede la volta celeste costellarsi di luci e dall'amata, ormai ebbra di carità e gioia, apprende esser annuncio del…

Divina Commedia: Paradiso, Canto XXIV

Nel Cielo delle Stelle Fisse, Beatrice invoca i beati ed in particolare gli Apostoli, affinché a Dante — per grazia divina in Paradiso prima della morte — concedano esaudire intimo desiderio di conoscenza ed appello, raccoglie attenzione di…

Divina Commedia: Paradiso, Canto XXV

Nell’ottavo Cielo delle Stelle Fisse, successivamente a San Pietro, tra i beati appare l’Apostolo Giacomo, il quale, all’Alighieri rivolgendo quesiti relativi alla virtù teologale della Speranza e nel momento in cui il vate termina di…

Divina Commedia: Paradiso, Canto XXVI

Ancora nell’ottavo Cielo, dopo aver esaudito gli interrogativi su Fede e Speranza postigli dai santi Pietro e Giacomo, Dante è da Giovanni Evangelista chiamato a rispondere sulla terza virtù teologale: la Carità.

Divina Commedia: Paradiso, Canto XXVII

Dante assiste ad aspra invettiva di San Pietro contro la corruzione della Chiesa, terminata la quale, i beati ascendon all'Empireo, mentre il poeta, assieme a Beatrice, raggiunge il Primo Mobile.

Divina Commedia: Paradiso, Canto XXVIII

Nel Primo Mobile, Dante osserva, e tramite le parole di Beatrice comprende, le Gerarchie degli Angeli, mirandone l'orbitare infuocato attorno ad una sfera, la cui luce gli appare tanto intensa da costringere lo sguardo altrove.

Divina Commedia: Paradiso, Canto XXIX

Alla vista del nono Cielo, Beatrice descrive creazione e natura degli angeli, pronunciando in conclusione, biasimo verso i vani predicatori rei di diffondere fole anziché attenersi alle Sacre Scritture.

Divina Commedia: Paradiso, Canto XXX

Come al sopraggiunger dell’Aurora le stelle lentamente svaniscono, i cori angelici vanno scomparendo dalla vista di Dante, al che il poeta torna ad indugiar sugli occhi di Beatrice, d’ella apparendogli la bellezza tanto elevatasi, da…

Divina Commedia: Paradiso, Canto XXXI

Nell'Empireo, Dante osserva ammaliato l'armonioso movimento delle anime, quando s'accorge d'aver accanto un vegliardo, da cui è esortato a volgere sguardo ai più elevati seggi della rosa dei beati, dove misericordiosa, s'irradia splendente…

Divina Commedia: Paradiso, Canto XXXII

San Bernardo, in procinto di contemplare Maria, illustra all'Alighieri l'ordine dei beati nella rosa celeste, spiegando altresì la presenza a varie altezze, di fanciulli prematuramente scomparsi, dopodiché invita il poeta ad indugiare sul…
Skip to content