Arte, Ambiente, Cultura e Informazione

Perché leggere ti apre la mente e ti cambia la vita

 
 
Può sembrare scontato dire che leggere ti apre la mente e ti cambia la vita, come una di quelle frasi cliché che sembrano vere solo in apparenza.

Eppure non è detto che l’abitudine di leggere aiuti sempre a diventare persone migliori.
Alcuni libri non hanno nessun potere trasformativo e alcune persone non leggono per cambiare ma per passare il tempo.

Una cosa è però certa: quando si è motivati a crescere e a trovare diverse prospettive sulla vita, cercarle nei libri è una delle cose migliori che si possa fare.

Leggere è un'attività che ti apre la mente e che può cambiare la tua vita. Leggendo scoprirai che quello che pensavi essere un tuo pensiero non è solo tuo, imparerai a comprendere meglio le tue emozioni. (https://terzopianeta.info)

 

Leggere rende meno soli

I libri sono una fonte inesauribile di sapere, e grazie al sapere si può migliorare il proprio stile di vita, cambiare modo di pensare.

Se tu fossi nato cento anni fa, per esempio, non avresti avuto strumenti facilmente accessibili per combattere disturbi comuni come la depressione.

Probabilmente non sapresti nemmeno cos’è la depressione.

Oggi, invece, basta digitare la parola stessa su Google o andare nella sezione di psicologia di una qualsiasi libreria per trovare milioni di pagine sull’argomento.

Grazie alla lettura ci si può confrontare (idealmente) con persone che hanno vissuto quello che abbiamo vissuto noi, conoscere la loro esperienza, trarre spunto da quello che hanno imparato.

E qui sta il bello.

Mentre i rapporti dal vivo limitano le tipologie di interazioni che possiamo avere, i libri ci permettono di avere infinite conversazioni con persone di tutti i tempi e culture.

Ci permettono di essere meno soli e di condividere il peso delle esperienze più negative della vita.

Leggendo puoi scoprire che una persona che è nata secoli prima di te in un paese a migliaia di chilometri di distanza dal tuo ha avuto le tue stesse paure e le tue stesse frustrazioni.

Leggendo ti puoi rendere conto di quanto non-uniche siano le tue afflizioni quotidiane.

E leggendo puoi sviluppare la qualità dell’empatia, della comprensione dello stato di sofferenza altrui.

 

Leggere ti apre la mente 

La crescita personale viene perciò agevolata, o rallentata, dalle interazioni che abbiamo col prossimo.

Le persone che incontriamo, nella vita reale o sulle pagine di un libro, sono un po’ come delle finestre sul mondo che ci permettono di comprendere meglio le diversità e scorgere la nostra stessa immagine nel loro riflesso.

Se le interazioni che abbiamo sono limitate a una ristretta cerchia di persone sarà difficile per noi comprendere noi stessi e l’unicità degli altri.

Se, d’altro canto, ci interfacciamo con persone diverse, leggendo e viaggiando, ci renderemo conto che il nostro modo di vivere non è il solo, che esistono altri valori rispetto a quelli che abbiamo scelto, che possiamo essere altro rispetto a quello che siamo abituati ad essere.
Più interazioni abbiamo, dunque, e più siamo in grado di accettare le infinite sfumature degli esseri umani, e le nostre.

Più buoni libri leggiamo e più saremo in grado di vedere il diverso come normale, la nostra diversità come normale.

Leggere è un'attività che ti apre la mente e che può cambiare la tua vita. Leggendo scoprirai che quello che pensavi essere un tuo pensiero non è solo tuo, imparerai a comprendere meglio le tue emozioni. (https://terzopianeta.info)

 

Quando leggere aiuta a esprimersi

E non è tutto.
A volte capita di avere la stessa esperienza emotiva nel tempo e di non riuscire a comprenderla fino a quando non si è in grado esprimerla.

Capire un concetto, infatti, è una cosa, riuscire a esprimerlo è un’altra.

Quando leggiamo è un po’ come se ascoltassimo i pensieri di persone che hanno passato più tempo di noi a ragionare su un determinato aspetto dell’esperienza umana.

Grazie a loro possiamo così imparare a descrivere meglio cosa proviamo quando una persona cara ci lascia, o quando una relazione finisce male, o il motivo per cui non siamo soddisfatti della nostra vita.

La comunicazione, in casi del genere, è fondamentale, perché è solo comunicando esattamente cosa proviamo che possiamo alleggerire il peso che portiamo dentro.

Ed è solo comunicando quello che abbiamo dentro che gli altri ci possono aiutare a stare meglio.

Una delle condizioni peggiori in cui un essere umano si possa trovare è l’incapacità di comunicare – e di conoscere — esattamente cosa lo affligge, unita al timore di essere il solo a soffrire di qualcosa.

Pensa a come sarebbe avere sete e non avere le parole per chiedere da bere; avere dolore alla testa e non sapere come comunicare cosa si prova.

Tenersi le cose dentro è orribile.

Comunicarle dà invece la possibilità all’altro di offrire aiuto, e ci fa vedere quanto sia normale voler soddisfare bisogni come la sete (emotiva) o voler trovare sollievo dalla sofferenza.

È questo che leggere il libro giusto al momento giusto può fare per noi. Ci può fornire le parole per descrivere i nostri bisogni, mostrandoci anche come hanno fatto gli altri a soddisfarli.

Leggere è un'attività che ti apre la mente e che può cambiare la tua vita. Leggendo scoprirai che quello che pensavi essere un tuo pensiero non è solo tuo, imparerai a comprendere meglio le tue emozioni. (https://terzopianeta.info)

Leggi anche: 10 romanzi da leggere per comprendere meglio la vita

 

Affrontare meglio la vita grazie alla lettura

In conclusione, la lettura ti aiuta ad avere una panoramica più ampia su quali sono i modi di vivere disponibili.

La vita non è così semplice dopotutto, non si vive solo in modo lineare seguendo step prestabiliti e uguali per tutti.

Non è sempre scontato che si segua la solita formula dell’università-lavoro-casa-matrimonio-figli-pensione.

Ci sono troppe cose che possono andare storto in mezzo, troppe variabili, troppe possibilità di imbattersi in incidenti di percorso.

È qui che la lettura arriva in nostro soccorso, aiutandoci ad affrontare meglio gli imprevisti, a ricalibrare le nostre aspettative, ad abbandonare vecchi sogni e a trovarne dei nuovi.

In fondo, le esperienze che si possono fare sono molte di più di quelle che si possono immaginare, le formule di vita disponibili sono innumerevoli.

Per poterle immaginare, per poter essere in grado di sognare una vita migliore, bisogna prima sapere che questa vita è possibile.

E per sapere che è possibile dobbiamo prima conoscere la storia di chi lo ha fatto prima di noi o di chi lo sta facendo.

Ecco perché la lettura non è solo leggere un libro.

Ma è tutto ciò che ci mette in contatto con l’altro, è ascoltare podcast o leggere un articolo online.

È una ricerca costante di esperienze vissute in prima e in terza persona che ci permettono di allargare l’orizzonte di cosa è fattibile.
Solo così si può affrontare al meglio la vita.

Solo così si può avere la possibilità di diventare la versione migliore di sé stessi.

Solo leggendo e confrontandosi continuamente con persone diverse si possono notare le nostre reazioni alle cose, capire cosa ci piace e non ci piace, capire chi si è, scoprire qual è la vita che si desidera e trovare il modo di realizzarla.