Arte, Ambiente, Cultura e Informazione

Pensioni: Potrebbe arrivare il risarcimento integrale

La Corte Europea dei Diritti dell'Uomo, ha ritenuto l’ammissibilità e la fondatezza del ricorso contro il Bonus Poletti.

 
 
Non si ferma la battaglia di Rimborso Pensioni, affinché lo Stato Italiano versi per intero gli importi relativi alla rivalutazione della pensione, e a distanza di due anni, è la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo a riaccendere la speranza.

Entrambi impegnati esclusivamente in cause risarcitorie contro la Pubblica Amministrazione, sono lo Studio Legale Frisani di Firenze e Gestione dei Crediti Pubblici s.r.l., ad aver dato vita ad un’iniziativa a cui hanno ormai preso parte migliaia di quei pensionati che si sono visti versare il Bonus Poletti, come rimborso del blocco delle indicizzazioni degli assegni previdenziali voluto dal governo Monti nel 2011, in seguito giudicato incostituzionale.

Per chi ha una pensione pari o di poco superiore alla fascia esclusa dal blocco, ovvero 1450€ lorde, il rimborso previsto è di 640 euro, cifra che aumenta fino a toccare un massimo di circa 800 euro per le pensioni di 1850 euro, per poi tornare gradualmente a decrescere ed arrivare a poco più di 100 euro per assegni dal valore di 2850 euro.

Tale risarcimento, secondo Rimborso Pensioni, non può essere considerato congruo e legittimo, ed è la Dott.ssa Silvia Malandrin, responsabile del progetto, a darne le motivazioni in un articolo pubblicato da La Verità, quotidiano fondato e diretto da Maurizio Belpietro, il 17 maggio scorso, ma del quale è ancora possibile trovarne una copia integrale su MioWelfare.

«La rivalutazione delle pensioni è l’unico strumento che i pensionati hanno per mantenere inalterato il proprio potere di acquisto – afferma Silvia Malandrin – mentre il costo della vita sale e la qualità della vita peggiora. Effetti che vengono ignorati perché nascosti dietro un importo di pensione che non cambia e che confonde le idee a chi è convinto di avere sempre la stessa forza economica, mentre in situazione di aumento dei prezzi la conseguenza è una sola: con la stessa pensione (non rivalutata) ciò che puoi comprare diminuisce di un ‹X› variabile».

Per rendere meglio l’idea di cosa possa aver significato la mancata rivalutazione, sul proprio sito Rimborso Pensioni mette a disposizione un semplice calcolatore e seppure, come specificato in nota si tratti di conteggi approssimativi, ad un pensionato che percepisce un assegno di 1600 euro lordi, ad oggi spetterebbe un rimborso di oltre 4000 euro.

A differenza di quanto accaduto alla riforma Fornero, che bloccò per il 2012-2013 la perequazione al tasso d’inflazione delle pensioni superiori a circa tre volte il minimo previsto, il 24 ottobre scorso la Consulta ha dichiarato infondata la questione di legittimità costituzionale relativa al Bonus Poletti, in quanto, “la nuova e temporanea disciplina prevista dal decreto-legge n. 65 del 2015, realizza un bilanciamento non irragionevole tra i diritti dei pensionati e le esigenze della finanza pubblica”.

«Stupefatto ma non sorpreso», si è detto l’avvocato Pietro Frisani commentando una sentenza che ha definito essere un «grave abbaglio in cui è incorsa una Corte che è sempre meno Giudice delle Regole e del Diritto e sempre più giudice dei fini», mentre Silvia Malandrin, sottolineava come nonostante tutto, non avrebbero abbandonato quei pensionati definiti “bancomat dello Stato”.

Il 1° dicembre 2017 la Corte Costituzionale ha depositato la sentenza n. 250, ravvisando quindi la correttezza del parziale adeguamento decretato dal governo Renzi, tramite il quale sono stati restituiti ai pensionati 3 miliardi di euro, mentre qualora fossero state accolte le oltre 15 ordinanze sollevate da giudici civili e pensionistici, secondo quanto stimato dall’Ufficio parlamentare di Bilancio, lo Stato avrebbe dovuto sborsare ben 24 miliardi di euro.

Non accettando l’esito della sentenza, lo Studio Legale Frisani ha deciso di rivolgersi alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo che, come è ben noto, si occupa di accertare le violazioni degli Stati membri ai principi sanciti dalla Convenzione Europea e tutt’altro che rari, sono i casi in cui l’Italia è stata condannata.

L’8 gennaio, Rimborso Pensioni dà notizia che la Corte Edu “ha ritenuto l’ammissibilità e la fondatezza del ricorso ed ha ‘invitato’ lo Stato italiano a corrispondere un indennizzo al ricorrente per danni morali, oltre ad un importo per le spese legali, oltre alle relative imposte dovute per legge”.

Come detto, l’obiettivo è quello di ottenere l’integrale risarcimento in favore di quei pensionati che non più tardi del 31 gennaio avranno aderito, e se come sembra probabile l’appello sarà accettato, lo Stato Italiano si vedrà obbligato a rispettare la sentenza e a pagare la somma dovuta entro 3 mesi dall’accettazione dell’accordo.