Arte, Ambiente, Cultura e Informazione

Sam Cooke: dal successo ad una morte ancora avvolta nel mistero

 
 
Non è un caso se la città di Clarksdale è una delle tappe previste nel famoso Mississippi Trail, il sentiero che ripercorre l’intera storia del blues.

Fondata nel XIX secolo da John Clark, sulle ceneri di quello che fu territorio dei nativi americani Chickasaw e Choctaw, intorno al 1917, quando ancora contava meno 7mila abitanti, ebbe l’onore di veder crescere niente meno che Muddy Waters, dare i natali a Mr. Talkin’ Blues, John Lee Hoocker, divenir negli anni ’30 teatro del leggendario incontro fra Robert Johnson e Satana in persona, ed infine, benché abbia poi vissuto a Chicago, tra i suoi figli annovera anche un altro totem che di pagine di storia della musica, ne ha scritte di indimenticabili: Sam Cooke.

Nato il 22 gennaio del 1931, Samuel Cook, questo il suo vero nome, quei luoghi benedetti da qualche sconosciuta divinità li abbandona quand’è ancora in fasce, è il 1933 quando la madre Annie Mae ed il padre Charles Cook, ministro della Chiesa battista, si trasferiscono in quella Venezia d’America che già a partire dalla Grande Migrazione, non meno generosa è stata con la musica e l’ arte in generale.

Quinto di otto fratelli è con loro che cominciò a cantare, formando il gruppo gospel “Singing Children”, aveva appena sei anni e non molto tempo trascorse prima che il suo talento cominciasse ad esser conosciuto ed apprezzato. Interpretando brani come “Jesus Gave Me Water”, “Peace In The Valley”, canzone portata al successo nel 1951 da Red Foley con i suoi Sunshine Boys e di cui è autore Thomas Dorsey, molti sono coloro che riconoscono a Sam Cooke il merito d’aver portato questo genere fra i più giovani.

Il suo primo singolo è datato 1956, si tratta di “Lovable”, un brano soul che l’artista pensò bene di firmare con lo pseudonimo di Dale Cook, in modo tale da non alienarsi i propri fan e non suscitare le ire dei più radicali seguaci del gospel, al tempo particolarmente ostili verso musiche secolari.
Lo stratagemma si rivelò efficace quanto tentare di nascondere il Kilimanjaro in un giardino inglese, la voce di Sam Cooke era inconfondibile, una di quelle che s’incardinano nella memoria al primo ascolto.

Tuttavia, a tendergli la mano è Art Rupe, al secolo Arthur Goldberg, che non solo mise a disposizione gli studi della Speciality Records, etichetta discografica da lui fondata a metà degli anni ’40 e di cui era produttore insieme a RobertBumpsBlackwell, J.W. Alexander e Johnny Vincent, ma al futuro Re del Soul, sarebbe stata data anche la possibilità di incidere senza dover ricorrere a pseudonimi o altri sotterfugi.

Rupe amava il gospel, da lui erano passati gruppi come i Soul Stirres, Pilgrim Travellers, Swam Silverstones ed in un certo senso, aveva già aperto le porte alla “contaminazione”; per la sua etichetta c’erano infatti personaggi come Little Richards, LloydMr. PersonalityPrice con la hit “Lawdy Miss Clawdy” del ’52 ed ancora il leggendario chitarrista R&B, Eddie Jones, meglio noto come Guitar Slim, autore di “The Things That I Used to Do”, brano da milioni di copie vendute e ripresa da artisti del calibro di Jimi Hendrix, Stevie Ray Vaughan, Chuck Berry, James Brown, solo per citarne alcuni.

Le obiezioni dei conservatori per lo più legati alla religione, stavano però facendosi sempre più pressanti e con loro salivano le preoccupazioni di Art Rupe, tanto che alla fine, decise di non pubblicare il 7” registrato da Sam Cooke, scelta che portò quest’ultimo a lasciare l’etichetta insieme a Blackwell e firmare per l’appena nata Keen Records di John e Alex Siamas, i quali, non esitarono un istante a dare alle stampe il 45 giri.

E’ il 1957, le canzoni in questione erano “Summertime”, cover del capolavoro composto da George Gershwin nel ’34 e “You Send Me”, pietra miliare firmata da Cooke rimasta per tre settimane prima nella classifica Billboard Hot 100 e per ben sei settimane al numero uno nella Billboard R&B Hits. Quell’anno solo Fats Domino con “Blue Monday” riuscì a far di meglio conquistando la vetta rimanendoci per quasi due mesi.

Un successo cui fecero seguito canzoni come “Only Sixteen”, “Lonely Island”, “Everybody Loves to Cha Cha Cha”, nonché l’immortale “Wonderful World” nata dalla collaborazione con Herp Alpert e Lou Adler , un pezzo di cui ne realizzarono cover Otis Redding, Bryan Ferry, Gloria Gaynor, Art Garfunkel e molti, molti altri.

Nel 1960, Sam Cooke lascia la Keen per firmare un contratto con la RCA Victor, oggi proprietà della Sony Music, ed uno dei primi singoli è “Chain Gang”, canzone ispirata ad un incontro avuto con un gruppo di prigionieri che, oltre al pubblico americano, riscontra anche il favore di quello oltreoceano raggiungendo il nono posto nella classifica inglese.

Gran Bretagna che ancor meglio accoglie “Cupid”, il singolo infatti, uscito il 16 maggio del 1961, va a piazzarsi alla settima posizione della UK Singles Chart e in quello stesso anno, con il manager Roy Crain e J.W. Alexander, Sam Cooke fonda una società di edizioni musicali, la Kags Music e una sua etichetta discografica chiamata SAR Records.
Di quest’ultima non se ne servirà per produrre le proprie canzoni, sono gli anni in cui segregazione e ideologie razziste oltrepassano i limiti dell’umana ottusità e il desiderio, è quello di mettere a disposizione uno studio di registrazione ed un luogo dove gli artisti afroamericani possano esprimersi liberamente.

Johnny Taylor, Billy Preston, Mel Carter, sono alcuni dei musicisti passati dalla SAR, compresi i Valentinos, conosciuti anche come Womack Brothers e che negli studi di Cooke registrarono “It’s All Over Now”, brano portato poi al grande pubblico nel 1964 dai Rolling Stones.

Prodotta da Luigi Creatore e Hugo Peretti con arrangiamento di René Hall, nel 1962 esce “Bring It On Home to Me” e neanche a dirlo, la canzone riscuote un successo immediato conquistando il secondo posto nella classifica R&B di Billboard, entrando di diritto tra i grandi classici di Sam Cooke, traguardo e privilegio che avrà l’anno successivo “Another Saturday Night”, traccia contenuta nell’album Is Not That Good News e che nel 1974 verrà incisa da Cat Stevens per esser pubblicata nel suo Greatest Hits, è la prima volta che il futuro Yusuf Islam, include in un proprio disco una canzone di cui non è autore.

Nel 1963, dopo aver firmato un contratto quinquennale con cui dava in gestione la SAR Records e la Kags al noto uomo d’affari Allen Klein, Sam Cooke lo nomina anche suo manager, il motivo è tentare di portare la RCA a rivedere gli accordi, richiesta che fin ad allora non era mai stata accolta dalla casa discografica.

E’ facile immaginare come Klein sia riuscito nell’impresa.
Con il nome di una delle figlie di Cooke, creò la holding Tracey Ltd, impegnandosi a produrre l’artista per lasciarne i diritti esecutivi alla RCA per 30 anni, dopodiché questi sarebbero tornati alla Tracey Ltd, mentre per il cantante c’era un contratto di cinque anni, tre più due opzionali, con cui avrebbe ricevuto un anticipo in contanti di 100mila dollari all’anno per i primi tre e 75mila dollari per i successivi due.

Il musicista, pur traendo vantaggio dall’accordo, non ricevette nessun anticipo, ma fu pagato con azioni privilegiate della holding di Allen Klein, il quale, finì col detenere tutti i diritti e successivamente, entrando in possesso anche di quelli postumi acquistandoli da Barbara Campbell, seconda moglie di Cooke.
 

Omicidio: Cospirazione e Legittima Difesa

L’11 dicembre del 1964, all’età di 33 anni, Sam Cooke viene trovato morto presso l’Hacienda Motel di Los Angeles, il corpo riverso a terra seminudo, presenta una ferita d’arma da fuoco in pieno petto ed a sparare fu l’addetta alla ricezione, la cinquantacinquenne Bertha Franklin, la quale dichiarò di essersi semplicemente difesa dall’aggressione del cantante.

Franklin raccontò d’essersi vista piombare in ufficio Cooke in preda a un attacco d’ira e senza vestiti come poi sarà trovato, voleva sapere dov’era finita la donna che l’aveva accompagnato in albergo e non appena gli rispose di non saper nulla, le si scagliò contro afferrandola con violenza e nella colluttazione, sarebbero entrambi caduti a terra. A quel punto la donna, avrebbe avuto la meglio riuscendo a divincolarsi e raggiungere la pistola.

Ad avvertire la polizia fu la proprietaria del motel, Evelyn Carr, la quale affermò che in quegli attimi stava parlando al telefono proprio con la Franklin e d’aver quindi assistito ai fatti sin dall’arrivo di Cooke.
Una precedente chiamata era però giunta alla centrale facendo sì che una volante fosse già in direzione dell’albergo, era partita da una cabina telefonica situata nei pressi dell’Hacienda e la voce era quella di Elisa Boyer, la donna che aveva trascorso la serata con l’artista.

Secondo la testimonianza, i due erano stati a cena al Martoni’s, un ristorante italiano situato nella famosa Sunset Boulevard di Hollywood, proseguendo poi la serata bevendo qualche drink nel vicino PJ’s, entrambi locali dove Cooke era cliente abituale.

Pare che Boyer non avesse un’ottima reputazione e da parte sua, Sam Cooke aveva fama d’essere uno che faticava non poco per tener a bada certi istinti, per cui è banale pensare che una volta usciti dal locale e saliti sulla Ferrari del cantante, l’idea di entrambi sarebbe potuta essere una e la stessa, ma la testimonianza smentisce l’ipotesi.

Boyer riferì d’aver più volte chiesto di esser accompagnata a casa senza però ottenere nulla, viaggiarono per quasi 30 chilometri prima d’imbattersi nell’Hacienda, un motel tutt’altro che abituato a veder clienti arrivare a bordo di una fuoriserie, era semmai uno di quei posti dove non c’è da stupirsi se chi è dietro al bancone della reception ha una pistola a portata di mano.

Arrivarono alle 2,35 del mattino e data la politica del motel, dovettero registrarsi come marito e moglie. Cooke non ebbe remore ad utilizzare il suo nome vero, pagò in contanti e salirono in camera, ma una volta entrati, Boyer affermò che l’uomo si fece improvvisamente aggressivo, la costrinse a spogliarsi e la bloccò sul letto ripetendole che avrebbero solo parlato, ma ormai certa che l’avrebbe violentata, non appena Cooke si recò in bagno per un momento, lei ne approfittò per raccogliere gli indumenti e filare. Nella concitazione, dirà poi di essersi accorta solo in un secondo momento di aver afferrato anche i vestiti di Cooke.

Si precipitò verso l’ufficio del motel bussando alla porta, ma temendo che l’attesa le sarebbe costata cara, corse fuori dall’albergo prima che la Franklin avesse il tempo di aprire, così fuggì all’esterno e raggiunse la cabina telefonica dalla quale chiamò la polizia: “Per favore venite a questo numero, non so dove sono. Sono stata rapita.”

Quando arrivarono, gli agenti trovarono la Ferrari davanti all’Hacienda con lo sportello aperto ed il motore acceso, al suo interno furono rinvenuti un orologio da polso, un fermasoldi con 108 dollari e una bottiglia di scotch, mentre non fu mai ritrovato il portafoglio con carte di credito e patente.

A causa di molte incongruenze la versione di Elisa Boyer fu a lungo messa in discussione, l’immagine che ne uscì era quella di una donna che ben volentieri l’avrebbe seguito in un motel, per poi sgattaiolare dopo averlo derubato. Un’ipotesi avallata anche dalle testimonianze rilasciate da clienti e proprietari del ristorante Martoni, i quali dissero che quella sera Cooke aveva con sé una mazzetta di circa 1000 dollari, denaro anch’esso che non sarà mai recuperato.

Tuttavia il suo ruolo nella vicenda non fu al centro dell’inchiesta, che ovviamente si concentrò sulle circostanze che portarono Bertha Franklin a sparare e basandosi sulla coincidenza della sua testimonianza con quella di Evelyn Carr, sui risultati del poligrafo, ossia la macchina della verità alla quale furono sottoposte la direttrice del motel e la Boyer, il processo si concluse archiviando il caso come “omicidio per legittima difesa”.

Quella notte nessuno sentì le urla, né il motore di una Ferrari con una star visibilmente alterata dall’alcol aggirarsi e sbraitare fuori e dentro il motel, nessuno sentì gli spari, nessuno ebbe da obiettare sul fatto che la pistola con la quale il cantante venne ucciso era una calibro 22, mentre la Franklin possedeva a suo nome una calibro 32.

Concluso il processo la donna si trasferirà in Michigan, dove morirà diciotto mesi dopo.

Sam Cooke frequentava Elisa Boyer da almeno tre settimane, mancando di ascoltare l’avvertimento di numerose persone che l’avevano messo in guardia conoscendone il passato e neppure un mese dopo l’omicidio, verrà arrestata per aver accettato di far sesso per 40 dollari con un poliziotto sotto copertura, mentre nel 1979 sarà dichiarata colpevole della morte del compagno.

La sentenza non sarà mai accettata da familiari e sostenitori.
Secondo alcuni di loro sarebbe stato ucciso da una cospirazione criminale e la sua morte avvenuta in tutt’altre circostanze. Altri hanno ipotizzato che il mandante potesse essere Allen Klein per entrare in possesso di tutti i diritti sulle incisioni, come per altro è accaduto, ma la testimonianza più inquietante arrivò da Etta James, artista americana scomparsa nel 2012, che riuscì a vedere il corpo di Sam Cooke, prima dei funerali.

Scrisse tutto nel suo libro “Rage to Survive” e se le condizioni in cui riversava corrispondono alla realtà, resta difficile credere che siano conseguenza di una colluttazione tra un uomo di 33 anni e una donna di 55. Secondo Etta James, il cantante presentava infatti entrambe le mani fracassate, il naso maciullato e la testa, con evidenti segni di colpi ricevuti, era quasi staccata dal collo.
 

Sam Cooke
Sam Cooke come venne trovato dalla polizia

 
Registrata il 30 gennaio del 1964, ed ispirata all’episodio in cui Sam Cooke ed il suo entourage si videro cacciati da un motel per soli bianchi, undici giorni dopo la sua morte fu pubblicata “A Change is Gonna Come”, la canzone divenne inno del movimento per i diritti civili degli afroamericani. Bob Dylan, Aretha Franklin, Tina Turner, Otis Redding, Seal, Prince Buster, i Fugees, sono solo alcuni degli interpreti del brano, che nel 2007 è stata inserita nella biblioteca nazionale degli Stati Uniti e nel National Recording Registry, dove vengono conservate le incisioni ritenute “culturalmente e storicamente” rilevanti.
 

What A Wonderful World

 

Chain Gang

 

You Send Me

 

Bring it on Home to Me

 

Another Saturday Night

 

A Change Is Gonna Come