Arte, Ambiente, Cultura e Informazione

La predizione di Brower: Terzo Pianeta, Istruzioni per l’uso

 
 
Terzo Pianeta: Istruzioni per l’uso, è apparso per la prima volta nel 1975 sulle pagine New York Times. Si tratta dell’amaramente ironico e premonitorio manuale con cui David Brower, in maniera estremamente semplice, illustrava regole e caratteristiche della Terra, invitandone ‘i passeggeri’ ad impararle e ad osservarle meticolosamente, per evitare di danneggiarne il funzionamento.

Terzo Pianeta, David BrowerNato il 1° luglio 1912 a Berkeley, California, David Ross Brower è stato uno dei più ferventi difensori della natura, a cui dedicò l’intera vita combattendo contro enti statali, industrie e speculatori al solo fine di proteggere il Pianeta dall’umana avidità e cecità.

Indomito e controverso, si avvicinò al movimento ambientalista verso metà degli anni ’30, quando la passione per escursioni e arrampicate determinò l’incontro con Hervey Voge, guida alpina e membro del Sierra Club, la più antica e importante organizzazione ecologista americana, fondata nel il 28 maggio 1892 dal preservazionista e conservatorista John Muir.

Brower aderì all’associazione e dopo la Seconda Guerra Mondiale, dalla quale uscì con la stella di bronzo per il servizio prestato come tenente addestrando i soldati della decima divisione di montagna in ambito della Campagna d’Italia, fu eletto primo direttore esecutivo del Club, quando al tempo, poteva contare 7000 associati e un budget annuale di circa 75mila dollari. In poco più di 10 anni, sotto la sua guida il Sierra divenne una delle organizzazioni di riferimento e nel momento in cui ne lasciò le redini, nel 1969, i sostenitori erano 77.000 e attualmente, 3 milioni.

Pioniere dell’attivismo, aveva David Brower intuì il potere della comunicazione, capì quanto fosse determinante per sensibilizzare, toccare i cuori e formare l’opinione pubblica. Si avvalse dei giornali per fare annunci a tutta pagina, girò documentari, s’inventò libri giganteschi colmi di fotografie che curava maniacalmente in ogni dettaglio e nondimeno, utilizzò la forza persuasiva della sua voce partecipando a incontri, festival e conferenze per testimoniare le straordinarie meraviglie della natura, esponendo quindi i problemi relativi alla conservazione.

David Brower ampliò anche il raggio d’azione del movimento ambientalista ponendo al centro temi come la crescente diffusione di armi nucleari, all’inquinamento e all’uso indiscriminato dei pesticidi. All’interno del Sierra Club, si occupava praticamente di tutto, era severo e instancabile, ai suoi occhi la più piccola e insignificante delle battaglie aveva precedenza su qualunque altra cosa: famiglia, amicizie o collaborazioni. La sua era una missione e la viveva sull’impeto dell’adagio di Goethe che amava sistematicamente ripetere al termine d’ogni discorso: «Tutto quello che puoi fare o sognare di fare, incomincialo. Il coraggio ha in sé genio, potere e magia.»

E’ stato protagonista del salvataggio di aree come il Dinosaur National Monument, il Parco Nazionale del Grand Canyon, il Point Reyes National Seashore, le North Cascades, il Parco Nazionale di Redwoods e non meno significativo fu il suo ruolo per l’approvazione del Wilderness Act, provvedimento firmato nel ’64 dal Presidente Johnson e nato per salvaguardare le zone selvagge e incontaminate del Paese, ovvero dove «la terra e la relativa comunità vivente non sono ostacolate dalla presenza dell’uomo, in cui l’uomo stesso è un ospite che non rimane».

Terzo Pianeta, David Brower, Save Gran CanyonNei suoi confronti non mancarono dure critiche e nemmeno sconfitte che non riuscì a perdonarsi, su tutte probabilmente, aver lasciato che fosse costruita la diga sul Glen Canyon al confine fra Utha e Arizona. Anche i rapporti con il consiglio di amministrazione del Sierra andarono deteriorandosi e il motivo era proprio la sua intransigenza: Brower se ne infischiava se per raggiungere gli obiettivi crollavano le finanze, per cui ignorava le preoccupazioni dei soci manifestategli e inevitabile, la rottura arrivò quando si oppose fermamente alla costruzione di una centrale nucleare in California, diversamente ben vista da una buona parte del Club.

Ufficialmente le sue furono dimissioni, in realtà fu silurato e l’Arcidruido, come venne etichettato nel libro Encounters with the Archdruid di John McPhee, insieme a Donald Aitken e Jerry Mander fondò l’associazione Friends of the Earth, trasformandola poco dopo in una rete internazionale, oggi presente in 74 Paesi con oltre 1 milione di attivisti. Nel ’70 diede vita alla League of Conservation Voters e l’anno successivo fu il turno dell’Environmental Policy Center, mentre nel 1982 nacque l’Earth Island Institute.

Nominato tre volte al Nobel per la Pace e premiato con il Blue Planet Prize, David Brower scrisse più di settanta libri nel corso della sua vita e non smise di lottare per la salute del Pianeta sino al giorno della sua morte, avvenuta il 5 novembre del 2000, quando ottantottenne, era ancora membro del Consiglio di amministrazione del Native Forest Council, organizzazione a tutela delle risorse naturali.

A distanza di oltre 40 anni dalla pubblicazione del piccolo manuale d’istruzioni per salvaguardare la Terra, appare evidente come le sue parole siano state in gran parte ignorate, non capite ed altrettanto la solerzia con la quale si impegnava, figlia di una visione chiara di quello che sarebbe stato il futuro.

 

Terzo Pianeta: Istruzioni per l’uso

Questo Pianeta ci è stato consegnato completamente assemblato e in perfette condizioni, ed è stato progettato per funzionare totalmente in autonomia e senza problemi, mentre orbita intorno alla sua stella, il Sole.

Tuttavia, per assicurare un corretto funzionamento, tutti i passeggeri sono invitati a familiarizzare pienamente con le seguenti istruzioni. L’inosservanza o addirittura la temporanea mancata attuazione delle stesse potrebbe provocare calamità. I passeggeri che vogliono procedere senza il beneficio di queste regole, possono causare notevoli danni, prima di poter apprendere da soli le giuste procedure operative.

Componenti

Si raccomanda ai passeggeri di conoscere completamente le seguenti componenti planetarie:

Aria
L’aria che circonda questo Pianeta non è sostituibile.
Il suo rifornimento è abbastanza per coprire la terra e l’acqua, ma non molto in profondità. Infatti, se l’atmosfera fosse ridotta alla densità dell’acqua, sarebbe profonda solo 10 metri. Con un normale utilizzo, l’aria è autopulente. Se troppo sporca, potrà essere ripulita solo in parte. Fino ad un certo punto i polmoni dei passeggeri saranno di aiuto. Però, scopriranno che tutto ciò che lanciano, vomitano o gettano nell’aria, tempo debito ritornerà a loro. Poiché i passeggeri dovranno usare l’aria, in media, ogni cinque secondi, dovrebbero trattarla di conseguenza.

Acqua
L’acqua fornita con questo Pianeta non è sostituibile. L’approvvigionamento idrico è molto limitato: se la Terra fosse della dimensione di un uovo, tutta l’acqua in essa compresa equivarrebbe ad una sola goccia. L’acqua contiene molte creature, quasi tutte mangiano e possono essere mangiate; queste creature possono essere mangiate dai passeggeri umani. Se cose ripugnanti vengono disperse nell’acqua del Pianeta, sarà necessario essere cauti, poiché le creature acquatiche concentrano le cose ripugnanti nei loro tessuti. Se i passeggeri umani mangiano le creature acquatiche, aggiungeranno le cose ripugnanti nella loro dieta. In generale, i passeggeri sono invitati a non disdegnare l’acqua, perché è ciò di cui sono fatti per gran parte.

Terreno
Anche se la superficie del Pianeta è varia e sembra abbondante, solo una piccola quantità di terra è adatta a far crescere cose e questa parte essenziale non deve essere sfruttata in modo improprio. Si raccomanda inoltre di non tentare di dissestare la superficie troppo profondamente, in quanto la terra è supportata da uno strato sottostante liquido e molto caldo che cresce poco, ma con i vulcani.

Vita
I componenti precedenti contribuiscono a rendere possibile la vita. C’è solo una vita per ogni passeggero e deve essere trattata con dignità. Le istruzioni riguardanti la nascita, l’operatività, la manutenzione e lo smaltimento di ciascuna entità vivente sono state attentamente previste. Queste istruzioni sono contenute in un linguaggio complesso, chiamato codice DNA e non è facilmente comprensibile. Tuttavia, non ha importanza, poiché tutto avviene automaticamente. I passeggeri sono però avvisati del fatto che le radiazioni e molte sostanze chimiche pericolose, possono danneggiare gravemente le istruzioni. Se, in qualsiasi modo, le specie viventi vengono distrutte o è reso loro impossibile riprodursi, il compimento dei riordini è soggetto a lunghi ritardi.

Fuoco
Questo Pianeta è stato progettato e testato in fabbrica per un funzionamento totalmente sicuro con un carburante trasmesso costantemente da una fonte remota, il Sole, fornito assolutamente senza alcun costo. Quanto segue deve essere osservato con la massima attenzione: il Pianeta è stato rifornito con una riserva limitata, contenuta nei depositi fossili, che dovrebbero essere sfruttati solo in caso di emergenza. L’uso di questa riserva di combustibile comporta pericoli, incluso il rilascio di alcuni metalli tossici, che devono essere mantenuti fuori dall’aria e dall’approvvigionamento alimentare degli esseri viventi. Il rischio non è rilevante se l’uso del combustibile di emergenza viene esteso per tutta la vita operativa del Pianeta. Un rapido impiego, se sostenuto solo per un breve periodo, può produrre effetti spiacevoli.

Manutenzione
I tipi di manutenzione dipenderanno dal numero e dalla provenienza dei passeggeri. Se solo pochi milioni di passeggeri umani desiderano viaggiare in un determinato momento, non sarà richiesto alcun intervento e non sarà necessaria alcuna prenotazione. Il Pianeta è autosufficiente e la fonte di energia esterna, fornirà esattamente la quantità di nutrimento necessario o fruibile in modo sicuro. Se però un numero molto elevato di persone insiste a imbarcarsi in una sola volta, ne deriveranno gravi problemi per i quali saranno richieste soluzioni costose.

Operatività
Senza circostanze straordinarie, è necessario controllare periodicamente il meccanismo e riportare eventuali irregolarità alla Smithsonian Institution. Ciò nonostante, se a causa dell’uso improprio del meccanismo del Pianeta, si osservano variazioni sostanziali nel comportamento previsto dell’alba e del tramonto, i passeggeri dovrebbero prepararsi a lasciare il veicolo.

Riparazioni di emergenza
Se, nessuna responsabilità è degli attuali passeggeri, i danni ai meccanismi operativi del Pianeta sono stati causati da un’azione ignorante o sconsiderata dei viaggiatori precedenti ed è meglio richiedere l’assistenza del Costruttore (maggiormente ottenuta tramite preghiera).

Facendo un esame approfondito, si scoprirà che questo Pianeta è composto da dettagli complessi e affascinanti, nel design e nella struttura. In passato, alcuni passeggeri hanno tentato di replicarli o migliorarli, oppure hanno persino sostenuto di averli creati.

Il Costruttore, avendo tra l’altro inventato il pollice opponibile, potrebbe essersi divertito per questo.

Tuttavia, fonti affidabili riferiscono che a questo punto, sembra che al Costruttore, l’intera panoplia delle conseguenze di questa Sua idea del pollice, non sarà priva di spiacevoli sorprese.
 

Dobbiamo iniziare a pensare come un fiume se vogliamo lasciare un’eredità di bellezza e vita alle generazioni future.