Arte, Ambiente, Cultura e Informazione

Mughetto, un fiore magico che ci parla del Pianeta

 
 
In Francia c’è una festa particolare, profumata, fresca, che sa di primavera e di grande voglia di ascoltare se stessi e di conseguenza anche gli altri. È la festa del mughetto, fiore piccolo ma molto profumato, considerato un portafortuna quasi magico che aiuta a capirsi e a capire gli altri, a riflettere.

Dolce ed intenso è il profumo del mughetto, un profumo che ci coccola come un abbraccio e ci fa sentire bene, in pace con noi stessi e con il mondo, ci aiuta a riflettere e meditare e ci fa vedere il mondo sotto un’altra luce.

Il dolce profumo del mughetto ci accoglie, ci fa sentire a casa e nello stesso tempo ci rilassa. E non poteva che essere la Francia, il Paese che prima di tutti ha dato i natali ai profumi e alla voglia di delicate fragranze sempre nuove, a dedicare una intera giornata al mughetto, un fiore piccolo che incanta e conquista allo stesso tempo.

In Francia, dove il profumo diventa arte e magia, una celebrazione del mughetto è come un risveglio dei sensi, il ritorno della primavera dopo un lungo inverno che ci spinge ad uscire ed a riscoprire il piacere di uscire di casa e respirare a pieni polmoni il profumo della natura, quella natura autentica che si risveglia dopo il lungo riposo invernale.

Dopo la firma degli accordi di Parigi del 2015 la festa del mughetto è il segno anche della voglia del governo francese di porsi come capofila a livello internazionale nella lotta ai cambiamenti climatici e tutti gli sconvolgimenti che stanno interessando un po’ tutti i continenti. Improvvise ondate di caldo e di freddo, eventi meteorologici estremi sempre più violenti, sono i chiari segnali che il pianeta sta soffrendo ed ha più che mai bisogno di attenzioni.

Il mughetto porta fortuna perché è una piantina che all’apparenza è piccola, fragile, quasi indifesa di fronte a tutta la forza della natura che si riprende i suoi spazi ma in realtà senza il mughetto non ci sarebbe quel sottobosco che dona nutrimento alle piante più grandi e regala loro quelle stesse sostanze nutritive di cui hanno bisogno per vivere. Sembra strano ma questa piantina così dolce e tenera, dall’essenza quasi materna, è il vero importante indicatore della salute dei nostri boschi, la spia che ci rivela quanto incidono sugli altri esseri viventi i comportamenti sbagliati di noi esseri umani.

Porta fortuna una piantina di mughetto, perché con la sua sola presenza ci dice che siamo in difronte a qualcosa di quasi magico che ormai sta diventando molto raro a causa della noncuranza di noi umani che non ci accorgiamo quanto male facciamo alla natura, al nostro pianeta che dovrebbe essere la casa di tutti, senza distinzione.

Il mughetto ci dimostra che la natura, se amata e rispettata, può darci grandi soddisfazioni e può regalarci il dono più prezioso di tutti: una vita sana, fatta di cose semplici, di colori e di profumi che ci avvolgono e ci coinvolgono. Rispettare ed amare il mughetto, e tutti i fiori in generale, ci fa riscoprire quel senso di comunità e di protezione che dovremmo avere sempre, tutti i giorni, non solo nelle giornate dedicate.

Il sottobosco sta soffrendo, e di conseguenza anche i mughetti si stanno diradando, e questo dovrebbe almeno farci pensare che forse è davvero arrivato il momento di adottare comportamenti e stili di vita più sostenibili, che fanno stare meglio noi e gli altri. La piccola piantina di mughetto che cresce nel sottobosco e sfida l’inquinamento è un chiaro segnale che è ora di imparare a rispettare a natura, la vita; anche la vita di una piantina è importante, non importa quanto possa essere piccola e indifesa.

Il fatto che i mughetti stiano lentamente soccombendo all’inquinamento deve farci riflettere su tutto il male che stiamo facendo alla natura e all’ambiente, sui comportamenti sbagliati che dobbiamo cambiare al più presto se non vogliamo che il nostro pianeta soccomba definitivamente, sepolto sotto i cumuli di spazzatura che noi esseri umani abbiamo prodotto.

 

Mughetto: Il grido d’allarme del nostro Pianeta

È questo forse il significato più profondo della festa del mughetto; imparare ad ascoltare il grido d’allarme del nostro pianeta che ci sta dicendo di smettere di sprecare risorse preziose e di cominciare a riciclare, riutilizzare, ridurre il più possibile i rifiuti. La festa del mughetto diventa così anche una grande festa dell’ecologia, un modo per rendere tutti più consapevoli di quanto è importante avere cura di tutti gli esseri viventi, anche delle piante che ogni singolo giorno ci regalano ossigeno, aria fresca e pulita per respirare bene e vivere meglio senza chiedere nulla in cambio, solo un po’ di cura, di rispetto, di amore.

Avere cura della natura è forse il gesto d’amore più bello che noi esseri umani possiamo fare per dimostrare al nostro pianeta che gli vogliamo bene, che sappiamo che tutte le cose belle che ci regala ogni giorno non sono affatto scontate. L’atteggiamento che molti esseri umani hanno nei confronti della natura, infatti, è quello di considerare il verde che ci circonda come qualcosa di scontato, che è sempre stato lì, ma in realtà non è affatto così. Il verde è qualcosa di vivo, qualcosa che deve essere costantemente curato e ben tenuto, protetto dall’incuria e dal degrado, dalle malattie.

Ognuno di noi, se davvero ama il nostro pianeta e vuole mantenerlo il più possibile verde, deve impegnarsi ogni singolo giorno per eliminare gli sprechi e ridurre il più possibile i rifiuti, usare con intelligenza le risorse naturali che la Terra ci offre e razionalizzare i nostri consumi domestici. Cominciare a riciclare i rifiuti che produciamo tutti i giorni e cercare di riparare gli oggetti che si rompono prima di gettarli via potrebbero costituire un buon inizio, ma non basta.

Chi vuole davvero fare qualcosa per aiutare la natura deve anche impegnarsi a non sporcare, a non lasciare rifiuti per terra, a partecipare alle tante iniziative che coinvolgono persone di tutte le età e prevedono attività di pulizia, ordine, piantumazione di nuovi alberi, tutti insieme per prendersi cura del fragile ecosistema in cui viviamo.

Un piccolo mughetto, con il suo profumo dolce e quasi ipnotico, può rappresentare un simbolo potente, un simbolo di tutti coloro che vogliono fare qualcosa di grande e di concreto per il pianeta, per tutti noi. Dedicare una festa al mughetto è un modo per fare sapere che la lotta ai cambiamenti climatici deve continuare perché riguarda tutti, riguarda il futuro nostro ed anche delle generazioni future. Il mughetto come simbolo dell’impegno che ognuno di noi può mettere in campo per l’ecologia, una piantina piccola ma potente che arriva a rappresentare da sola tutto il fragile ecosistema che ci circonda.

La morale di questa festa è che anche una piccola piantina di mughetto può rappresentare tanto, può avere un valore enorme, può fare sorridere e riflettere. Sarebbe bello che una festa così si diffondesse in tutto il mondo, per dimostrare che la salvaguardia del pianeta finalmente sta portando a gesti concreti, non solo le solite parole di circostanza. A tutti voi intanto lascio il dolce profumo del mughetto che si diffonde piano e cancella dolcemente tutte le preoccupazioni quotidiane, come in un dolce sogno.
 
 
 
 

Terzo Pianeta, Zoo 40