Arte, Ambiente, Cultura e Informazione

Gatti e terapia: i poteri che curano. Dal mito alla scienza

I gatti dominano miti e leggende appartenenti a culture di ogni angolo del pianeta, l’uomo attribuisce loro poteri soprannaturali sin dai tempi antichi, ma qual'è oggi la risposta della scienza?

 

“Di tutte le creature di Dio, ce n’è solo una che non può essere resa schiava della frusta. Quello è il gatto. Se l’uomo potesse essere incrociato con il gatto, l’uomo migliorerebbe, ma peggiorerebbe il gatto”

E’ una delle tante frasi che Mark Twain ci ha lasciato con la sua proverbiale sagacia ed irriverenza e solo chi ha vissuto o vive con questi animali, può saper quanto di vero ci sia in questa sua affermazione, d’altra parte molti altri grandi scrittori ed artisti hanno amato e avuto parole di devozione verso questi felini, da Ernest Hemingway a Frank Zappa, da Dickens a Peter Tosh, da Doris Lessing a Jules Verne che addirittura li considerava spiriti superiori venuti sulla terra.

Sinuosi ed affascinanti per quel velo di mistero che da sempre li avvolge, i gatti dominano miti e leggende provenienti da culture di ogni angolo del pianeta, l’uomo attribuisce loro poteri soprannaturali sin dai tempi antichi.

 

Dalle piramidi a Maometto

 
In Egitto, la prima testimonianza di una divinità felina risale al 3100 a.C., appare nei Testi delle Piramidi come Mafdet, protettrice contro i morsi velenosi di serpenti e scorpioni, mentre più tardi, venerata come dea della guerra per poi diventare simbolo di prosperità e fertilità, è Bast, a venir rappresentata con la testa di leone, assumendo le sembianze di gatto durante la XXII dinastia, quando al nome verrà aggiunto il suffisso femminile per essere conosciuta come Bastet.

Si narra che Ra, dio egizio del sole che di giorno varcava i cieli e di notte illuminava le tenebre, accusato dagli uomini d’esser ormai troppo vecchio per regnare, scagliò contro di loro la potente Sekhmet, dea leonina della guerra che non esitò a giurar vendetta. La sua ferocia fu inaudita, il sangue nemico divenne man mano inebriante nettare al quale non resistere e la furia omicida sembrava non potersi più arrestare. Le acque del Nilo si trasformarono in una copiosa onda scarlatta, ma implacabile, la dea continuava a mietere vittime.

Mosso a pietà, Ra ordinò alle sue ancelle di preparare settemila calici di birra, mentre a Inhert, divinità il cui nome significa “colui che riporta l’allontanata”, disse di raccogliere quante più bacche di mandragola potesse, affinché il succo ricavato fosse poi riversato all’interno delle brocche e gettato nei campi in modo tale, che Sekhmet lo confondesse con il sangue dei vinti e finalmente riuscisse a placarsi.

La dea cadde nel tranello e ne bevve tanto da ubriacarsi e crollare in un sonno profondo, ma quando ebbe a risvegliarsi, realizzò di esser stata ingannata e colpita nell’orgoglio, fuggì facendo perdere le proprie tracce per intere settimane, fin quando Ra, preoccupato di una assenza che andava prolungandosi minando l’armonia divina, affidò a Thot, dio della misura del tempo, il compito di cercarla e riportarla a casa.
Sekhmet fu trovata nella regione di Nubia e sebbene in un primo momento si mostrò recalcitrante a mettersi in cammino sulla strada del ritorno, alla fine si convinse a rientrare a Heliopolis, ma discendendo lungo le rive del Nilo, si bagnò delle sue acque ed assunse le sembianze di Bastet.

Gatti, mummificazione

In Egitto i gatti raggiunsero tale sacralità, che a loro verrà estesa persino la pratica della mummificazione e presumibilmente dal VI secolo d.C., attraverso la terra dei faraoni, i nostri felini raggiunsero i paesi arabi e neanche a dirlo, l’ammirazione verso di loro fu tanto immediata che non trascorse molto tempo perché storie dal carattere religioso e simbolico, cominciassero a circolare e tra i racconti più famosi, vi è quello che vede protagonista niente meno che Maometto.

Pare avesse un vero e proprio debole per i gatti, si dice che era sua abitudine ricevere i fedeli e persino predicare tenendo in grembo Muezza, l’amata gatta che un giorno si addormentò sul braccio del profeta, e quando per lui giunse l’ora della preghiera, piuttosto di svegliarla preferì tagliare la manica della propria veste.

Un gesto che l’animale evidentemente apprezzò e come segno di gratitudine, quando fece ritorno dalla Moschea, Maometto si vide accolto da un inchino e interminabili fusa, una manifestazione d’affetto che lo commosse a tal punto, che non solo divenne sempre più magnanimo nei riguardi della gatta, ma decise di premiarla, così le si avvicinò e per tre volte le accarezzò il dorso.
Dal quel preciso istante Muezza sarebbe stata in grado di atterrare sulle zampe qualsiasi fosse stata l’altezza dalla quale fosse precipitata, le riservò un posto in Paradiso e dal passaggio delle dita sul mantello, ebbero inizio le striature tipiche dei soriani.
 

Liu Shou: ai gatti le sorti del pianeta

 
Pare che in Cina, i gatti fossero conosciuti già 5300 anni fa, dunque ben prima che in Egitto e ci fu un tempo in cui gli dei, affidarono a loro il compito di sorvegliare il mondo e tutte le altre creature e per questo, gli dettero il dono della parola e nominarono Liu Shou, loro rappresentante.

Nonostante l’arduo incarico, i gatti trascorrevano però le giornate a sonnecchiare, rotolare sui prati, correr dietro alle farfalle e godersi il sole all’aria aperta, badare alle sorti del pianeta sembrava tutt’altro che un onore per loro e quando gli dei se ne accorsero, delusi e preoccupati, per ben due volte chiesero a Li Shou di mostrare più impegno ed attenzione verso il compito che gli era stato assegnato ai gatti e in entrambi i casi, pur non manifestando troppo interesse, disse che avrebbero tentato d’esser più responsabili.

Ciò malgrado, alla terza visita degli dei non era cambiato nulla e di fronte all’ennesimo rimprovero Li Shou rispose loro:
“Onestamente, ci siamo resi conto per noi è solo una seccatura, ma abbiamo notato che un’altra creatura mostra interesse e fa promesse a riguardo, potreste affidare a lei il lavoro e noi lasciarci ai piaceri che questo mondo ha da offrire”.

A malincuore gli dei accettarono, tolsero il verbo ai gatti e la dettero all’altra creatura, l’uomo, che iniziò a cambiare il mondo a suo piacimento riempiendolo di parole, ma dietro questa decisione non dimenticarono mai che i felini erano stati i loro prescelti, cosicché da quel momento, attraverso i loro occhi avrebbero dettato il tempo agli umani: oscure sfere bordate d’oro al mattino e all’imbrunire, mentre sottili fenditure buie su dischi dorati a mezzogiorno.

Nondimeno, le loro fusa sarebbero diventate il suono dei meccanismi che muovono il pianeta nella volta celeste e qualora smettessero di farle, si bloccherebbe qualunque cosa, si fermerebbero i cieli, le stagioni e di tutto sarebbe la fine. Così, mentre all’uomo fu data la missione di gestire il mondo, i gatti ne divennero i guardiani e a loro furono affidati i tempi.
 

Animali del demonio

 
Durante l’epoca preincaica, nella regione settentrionale del Perù vi erano i Moche, una delle più antiche civiltà del Nuovo Mondo e tra le loro divinità troviamo Ai-Apaec, dio della guerra con l’aspetto di un uomo centenario che dotato di lunghe zanne, aveva la capacità di trasformarsi in un felino.

Per i nativi americani il gatto era invece emblema di contemplazione, astuzia ed ingegno, ma esso è presente anche nella letteratura norrena con Freya, dea del sole, della fertilità e dell’amore, che viaggiava con il suo carro trainato da due gatti.

In India, era Shasti, la divinità felina simbolo di maternità, mentre in Grecia, appare quando Apollo dette vita al leone per spaventare la sorella Artemide, la quale con tutta calma, rispose facendone una miniatura di pari eleganza, coraggio e proverbiale indifferenza.

I gatti erano graditi anche presso i romani ed erano conosciuti ed ammirati anche dagli etruschi, che ne apprezzavano la compagnia ed altrettanto le doti predatorie, non mancano però periodi storici in cui i nostri felini non se la passavano molto bene.

In epoca medievale, proprio in virtù del merito che veniva loro riconosciuto nell’eliminare una delle minacce più diffuse per la salute e la conservazione del cibo, ovvero i topi, gli fu data una seconda denominazione evidenziandone la peculiarità: “musipula”, termine che deriva appunto da mus, nome latino di questi roditori.

Nonostante questa abilità di cattura permise al gatto di essere immediatamente introdotto fra gli animali domestici, con il tempo iniziò ad essere paragonata a quella di cui si serve il demonio per impossessarsi delle anime e tale credenza, andò sempre più a diffondersi e radicarsi, tanto che nel XV secolo, per togliere ogni dubbio a riguardo, papa Innocenzo VIII ebbe a dichiarare che “il gatto è l’animale preferito del diavolo e idolo di ogni strega”.

L’odio salì a tal punto che venivano torturati ed ammazzati; ben volentieri se ne accettava dunque il lavoro, ma non l’insopprimibile istinto di libertà ed indipendenza che li distingueva da quegli animali inclini ad essere assoggettati all’uomo e benché in senso negativo, ancora una volta ai gatti vengono attribuiti poteri occulti e sovrannaturali.
 

I gatti migliorano la nostra vita

 
I gatti, migliorano la nostra vita

L’aspetto esoterico, ha indubbiamente caratterizzato da sempre il rapporto tra l’essere umano e questi felini, ma quanto di vero si nasconda dietro questa natura “magica”, è la scienza a spiegarlo, affermando come loro compagnia ed utilizzo riesca a migliorare la qualità della nostra vita.

E’ ormai noto che gli animali possano essere di ausilio in molte situazioni, attraverso la pet therapy si è potuto infatti osservare come siano di sostegno per le persone non autonome, non in grado cioè di camminare, muovere gli arti, per coloro che presentano disabilità fisiche e psichiche, per i bambini con problemi comportamentali o che si trovano a dover affrontare trattamenti chemioterapici. Gli animali sanno distribuire sorrisi oltre le cure, e con il loro supporto vengono svolte attività creative e sociali coinvolgendo anziani, detenuti e portati nelle scuole si adoperano per combattere il bullismo.

Per quanto amato, l’animale non riceverà mai lo stesso affetto ed il benessere che riesce invece a donare a chi gli è accanto, persino i gatti, che ancora in molti si ostinano erroneamente a considerare incapaci di affetto, se non rivolto per lo più verso l’ambiente circostante, la casa.

La loro presenza invece, non ha solo un effetto positivo sull’umore come è noto da tempo, ma a trarne beneficio è lo stato di salute generale, sono infatti di aiuto in situazioni di stress, ansia, accarezzarne il manto si è visto come porti ad uno stato di rilassamento e sono ormai assodati gli esiti affermativi in disturbi associati ad autismo, sindrome di down, Alzheimer tant’è vero, che sono numerose le fondazioni ed associazioni che si avvalgono della “gattoterapia”.

Nelle persone che vivono con questi felini, è stato osservato un aumento del senso dell’umorismo, probabilmente derivante dalle peripezie che questi compiono quotidianamente e non di meno, incoraggiano ad aprirsi, esternare i sentimenti, le emozioni, stimolano il dialogo e la comunicazione all’interno delle famiglie e parte della magia, come vuole l’atavica leggenda di Liu Shou, sta proprio nelle fusa.

Fin dai primi giorni di vita, i cuccioli non ancora in grado di miagolare, emettono già questo particolare suono il cui meccanismo non è ancora del tutto chiaro, ma tra le ipotesi più avvalorate vi è quella secondo cui il rumore è prodotto attraverso le corde vocali, muovendo i muscoli della laringe per dilatare la cavità orale e restringere velocemente la glottide, provocando piccole oscillazioni che gli etologi, indicano come uno stato di quiete e tranquillità.

Analizzando gli effetti terapeutici delle fusa, gli scienziati hanno osservato come le vibrazioni ondeggino tra i 20 e i 50 hertz, individuando in questa bassa frequenza uno dei motivi per cui tenere un gatto tra le braccia, regolarizza la frequenza cardiaca, cosicché soggetti cardiopatici ed ipertesi ne traggono giovamento.

Molti sono gli studi che per l’appunto, confermano che pazienti affetti da malattie cardiache riportano decorsi più rapidi se un gatto è entrato a far parte della loro vita, condizione che già nel 2008, secondo la ricerca dell’American Stroke Association, effettuata su oltre 4000 individui e durata dieci anni, riduce di un terzo il rischio di infarto cardiaco.

Non è una leggenda quindi, bizzarri e mai domi, pronti al gioco come alla solitudine, con occhi attenti e poi persi dietro alle ombre, i gatti sanno entrarci nel cuore e dargli sollievo, ci aiutano a comprendere noi stessi, a saper accettare chi siamo e chi abbiamo di fronte, ci insegnano a dare senza pretendere.